La Spezia, abbandonò sette cani: anziano condannato a sei mesi di carcere

0
46

La Spezia – Sei mesi di carcere. È la condanna emessa ieri dal tribunale della Spezia nei confronti Marco Franceschini, 69 anni, di Santo Stefano Magra, accusato in un primo momento di aver maltrattato sette beagle di sua proprietà facendoli vivere «in un locale ricoperto di detriti tra cui cocci di vetro ed escrementi anche di topi, in modo da cagionare loro malattie parassitarie».

Il tribunale della Spezia ha stabilito che non vi è stato alcun maltrattamento ma semmai l’imputato si è reso responsabile del reato di «abbandono di animali». I fatti risalgono al giugno del 2016, quando fu scoperto, nelle vicinanze del centro commerciale “Le Terrazze”, l’edificio diroccato in cui si trovavano i sette cani. Subito finì sotto inchiesta Franceschini, il quale però in tutti modi ha spiegato di non aver mai maltrattato gli animali ma di averli sempre accuditi, portando loro cibo e acqua a sufficienza. Alla fine dal processo è emerso che si trattò “soltanto” di «abbandono». Le motivazioni della sentenza verranno rese note nelle prossime settimane ma è molto probabile che Franceschini decida di impugnare il provvedimento del tribunale spezzino.

Purtroppo si verificano sempre più spesso casi del genere, alle forze dell’ordine giungono numerose segnalazioni di abbandoni o maltrattamenti. Le associazioni di volontariato compiono un lavoro immane e a volte riescono a salvare gli animali da morte certa. Sono decine le storie raccontate negli ultimi anni dal Secolo XIX. Proprio di recente la polizia municipale ha denunciato il proprietario di un asinello. Poco più di un anno fa invece fece commuovere la storia di un cavallo, uno splendido esemplare di “trotter”, dalla criniera nera come la pece e dalla muscolatura possente. Il padrone lo aveva affidato a un allenatore che gestisce un ranch fuori provincia. Era convinto che il cavallo fosse trattato con la cura dovuta, ma si sbagliava. Dopo qualche mese, lo spezzino si era presentato nell’allevamento per una visita a sorpresa, trovandosi davanti agli occhi una scena a dir poco inquietante. Secondo quanto denunciato ai carabinieri, l’animale era visibilmente denutrito. Non è tutto. Il proprietario aveva notato anche evidenti segni di maltrattamenti: diversi tagli profondi provocati probabilmente dall’utilizzo di «un oggetto contundente».

FONTE MSN

Facebook Comments

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here